Ultima modifica: 13 Gennaio 2021

2045 Cento anni dopo la liberazione del campo di sterminio di Auschwitz

Berlino 2045. Migliaia di blocchi bassi o alti anche due o tre metri. Una targa dice che si tratta del monumento di un certo Peter Eisenman, Agli ebrei assassinati d’Europa. Incuriosita dal monumento e da una pagina di storia che non conosce, una studentessa decide di scrivere alla sua prof. ormai in pensione da tempo. Questo è l’incipit del libro Prof, che cos’è la Shoah.

L’autore immagina un dialogo via mail e chat tra la studentessa e la sua ex insegnante di storia per toccare un tema di estrema complessità storica, che necessita di una memoria collettiva che non si perda nel tempo.

Link all’articolo della Dirigente su Education 2.0